Conobbi Laura perché mi fu presentata da un amico. In quel periodo ero molto preso dagli esami universitari, per cui, benché si trattasse di una bella donna, non approfondii più di tanto la sua conoscenza. Avevo 26 anni e la tesi mi stava dando molto più filo da torcere di quanto potessi prevedere. Laura rappresentava il mio ideale estetico di donna. Era una donna matura sui 44 anni che insegnava materie letterarie. Ed in effetti quando ci incontrammo nuovamente per un’uscita assieme a qualche amico in comune , fu stesso lei, che sapeva delle difficoltà che stavo incontrando nella preparazione della tesi, a chiedermi se poteva darmi una mano in quanto ben conosceva l’argomento della mia materia. Io non ebbi nulla da obiettare ed anzi accettati con entusiamo la sua proposta.

Guardandola meglio a pochi centimetri di distanza, mi colpì ancora di più: era abbastanza alta, aveva i capelli biondi, un bel nasino all’insù, ma la delicatezza di quel volto per effetto delle labbre grandi e carnose raggiungeva un tocco di grande sensualità. Non posso negare di aver desiderato più di una volta di farmi succhiare il cazzo da quelle labbra per schizzare sul suo viso immacolato tutta la mia sborra.

Fu così che un giorno lei mi invita a casa sua per approfondire l’argomento della tesi, accetto benvolentieri. Quando salgo, mi accoglie tutta acchittata con tanto di tacchi a spillo in casa, calze nere e un rossetto sule labbra che già fantasticavo di sbavare subito. Ci sediamo, mi offre qualcosa da bere, le faccio vedere il materiale che ho portato per la tesi, ma un incrocio di sguardi è fatale a entrambi.

Senza che mi dicesse niente, piegandosi verso di me, mi apre la cerniera dei pantaloni, inizia a masturbarmi e quando il cazzo comincia ad avere consistenza, inizia i suoi affondi con le labbra senza darmi tregua. Mi perdo col cazzo nella sua bocca che me lo succhia avidamente. Le schizzo la sborra tutta sulla labbra che hanno perso il rossetto rosso acceso, qualche goccia macchia anche il foglio che mi ero portato. Anche dopo aver scritto la tesi, i nostri incontri proseguirono. Ed oggi quando ripenso a quel periodo riguardo sempre una foto di quel suo viso dolce e grazioso senza che possa fare a meno di pensare a quelle labbre di fuoco che tante volte in quei mesi provai a dissetare con la mia sborra.


Accedi al tuo account

 
×
Hai dimenticato la tua Password?
×

Salite